canestro

Questione di punti di vista

angolo

Quello che cerchi a volte è proprio lì dietro. Specie se è una sorpresa. A volte può essere acuto e retto, altre volte ottuso e piatto. Può essere giro, concavo, convesso o adiacente. Ti ci mettono per emarginarti. Si misura in gradi, ma non fa caldo, né freddo. Da lì si calcia per metterla in area. Può far male – e come se può far male – se ci sbatti addosso. Anche il passaggio ne ha uno e nel basket non è facile segnare da lì.  Continua a leggere

Un canestro, una vita

canestro-casa

Il bimbo disegnato non tira bene. L’ho sempre pensato. Non dà la frustata di polso, usa il palmo della mano. Io invece. Guardate che tecnica. C’è voluto un po’, d’accordo, ma ho trovato la parabola. Quella tesa, alla Orlando Woolridge, che senza neanche sfiorare il soffitto si infila precisa, come una sentenza. Sembra quasi che il canestro annuisca, ammetta i suoi limiti. Continua a leggere